La sirena. Con CD Audio

15,00

Nei due estremi e intensissimi anni della sua vita (1955-57) Giuseppe Tomasi di Lampedusa mise insieme non solo gli otto capitoli del “Gattopardo”, ma anche tre racconti e uno scritto di carattere autobiografico. Solo recentemente, però, in seguito al ritrovamento di alcuni manoscritti originali, è stato possibile sottoporre i testi brevi a una rigorosa verifica filologica e, in particolare, ricostruire nella loro interezza i “Ricordi d’infanzia”, che ora acquistano una maggiore corposità. Il presente volume si apre appunto con i “Ricordi d’infanzia”, scritti nell’estate del ’55, che, come spiega Gioacchino Lanza Tomasi nella prefazione, “ci dischiudono il laboratorio dello scrittore al tempo del ‘Gattopardo'”. Segue “La gioia e la legge”, un breve apologo, perfetto di tono e di misura. Ma il racconto più celebre della raccolta è senza dubbio “La Sirena” (precedentemente con il titolo imposto dalla vedova dell’autore, “Lighea”), scritto dopo una gita lungo la costa meridionale della Sicilia. Al centro della favola, al limite tra il reale e il surreale, si accampa un personaggio formidabile: il vecchio professor La Cura, il quale, da giovane, conobbe l’amore della Sirena, e non poté più gustarne altro. Chiude il libro “I gattini ciechi”, che, dei tre racconti, è il più vicino come materia al “Gattopardo”, sebbene sia nato come capitolo iniziale di un nuovo romanzo, del quale ha mantenuto il titolo. Introduzione di Gioacchino Lanza Tomasi.

2 disponibili

COD: 9788807491658

Nei due estremi e intensissimi anni della sua vita (1955-57) Giuseppe Tomasi di Lampedusa mise insieme non solo gli otto capitoli del “Gattopardo”, ma anche tre racconti e uno scritto di carattere autobiografico. Solo recentemente, però, in seguito al ritrovamento di alcuni manoscritti originali, è stato possibile sottoporre i testi brevi a una rigorosa verifica filologica e, in particolare, ricostruire nella loro interezza i “Ricordi d’infanzia”, che ora acquistano una maggiore corposità. Il presente volume si apre appunto con i “Ricordi d’infanzia”, scritti nell’estate del ’55, che, come spiega Gioacchino Lanza Tomasi nella prefazione, “ci dischiudono il laboratorio dello scrittore al tempo del ‘Gattopardo'”. Segue “La gioia e la legge”, un breve apologo, perfetto di tono e di misura. Ma il racconto più celebre della raccolta è senza dubbio “La Sirena” (precedentemente con il titolo imposto dalla vedova dell’autore, “Lighea”), scritto dopo una gita lungo la costa meridionale della Sicilia. Al centro della favola, al limite tra il reale e il surreale, si accampa un personaggio formidabile: il vecchio professor La Cura, il quale, da giovane, conobbe l’amore della Sirena, e non poté più gustarne altro. Chiude il libro “I gattini ciechi”, che, dei tre racconti, è il più vicino come materia al “Gattopardo”, sebbene sia nato come capitolo iniziale di un nuovo romanzo, del quale ha mantenuto il titolo. Introduzione di Gioacchino Lanza Tomasi.

Titolo

La sirena. Con CD Audio

Autore

Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Editore/Marca

Feltrinelli

ISBN

9788807491658

Anno di pubblicazione

2014